“Chi urla ‘Allah akbar’ in piazza San Marco lo abbattiamo dopo quattro passi, con i cecchini”. Anzi, “ora abbiamo aumentato le difese, e li abbattiamo dopo tre passi, e le aumenteremo ancora”. Lo ha detto il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, nel suo intervento durante un dibattito al meeting Cl di Rimini “Parliamoci chiaro: il buonismo è finito: se tu vuoi ammazzare me io mi difendo, a Venezia ci difendiamo”, ha spiegato nel corso di una tavola rotonda con alcuni sindaci. Alla provocazione del primo cittadino di Venezia, ha replicato il collega di Rimini, Andrea Gnassi con ironia: “Suggerirò ai romagnoli di non cantare ‘Romagna Mia’ in San Marco, perché non si sa mai, anche se non sono sicuro di aver ben capito l’intervento di Brugnaro perché l’ha fatto per metà in Veneto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo, Brugnaro: “Qualcuno grida Allah Akbar a San Marco? Gli spariamo”

next
Articolo Successivo

L’antifascismo oggi è dalla parte dei migranti, contro il razzismo e il terrorismo

next