PLAYA PICON (Ortiguera – Spagna)

È la spiaggia incontaminata e nascosta più bella d’Europa. Si trova nel comune di Ortiguera, nella Galizia spagnola. A guardare la località sulla cartina sembra la punta estrema nel Nord della penisola iberica a strapiombo sull’Atlantico, con i cavalloni di onde alti almeno un metro e mezzo a confermarlo di continuo. Poco più di mezzo chilometro di lunghezza, sabbia bianca e sottile, rocce nere che fendono la riva ogni 50-100 metri, Playa Picon è una delle tante calette che si raggiungono dall’alto uscendo dalla strada principale che collega la Galizia con le Asturie, o viceversa. Anche se l’aspetto più incredibile è che pure a Ferragosto a sdraiarsi in mezzo a questa meraviglia non c’è mai nessuno. Chiaro, non ci sono bar, tavolini, docce, ombrelloni o sdraio, e nel giro di un paio di chilometri nemmeno una trattoria dove mangiare qualcosa. Il luogo è segnalato sommariamente con una delle tante frecce generiche che da quelle parti abbondano per indicare una spiaggia, e poi c’è il solito ridicolo dramma del Nord della Spagna in cui farebbe sempre freddo. Boiate. Playa Picon è il paradiso per chi non vuole scocciature, rumori umani (se non quello del mare che è forte), e isolamento fisico dal resto del mondo. Quando si risale e si raggiunge Loiba, ci si può addentrare nei verdi boschi circostanti e trovare da dormire in B&B immersi nella natura come Casa Rural Soutomoro, situato in un intonso paesino abbandonato. Non è mica sempre obbligatorio stare in spiaggia a petto nudo, no?

Viaggi, cinque mete nascoste e sconosciute per un Ferragosto diverso dal solito

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mongol Rally: come il Bianconiglio nel Paese delle Meraviglie, corriamo contro il tempo

next
Articolo Successivo

Siamo entrati a Istanbul e loro sono Tuğçe, Burcu e Mehmet

next