Dopo anni di proteste, annunci di inasprimento e contestazioni da parte degli ultras, oltre a situazioni surreali come nel derby Modena-Carpi del 2013, arriva un passo indietro sulla tessera del tifoso a sei anni dalla sua introduzione. Novità dalla prossima stagione e poi una graduale abolizione che dovrebbe essere completata in 3 anni. Si inizia venerdì, con la firma di un protocollo tra Federcalcio, Coni e ministeri dell’Interno e dello Sport.

L’apertura è arrivata direttamente dal Viminale, tramite l’Osservatorio sulle manifestazioni sportive, che si riserva comunque di stabilire delle restrizioni ad hoc per alcune partite da ‘bollino rosso’. “Dopodomani – ha rivelato Giovanni Malagò dopo la sua audizione in commissione Antimafia – ci sarà un incontro promosso dai massimi vertici delle autorità, dal capo della Polizia, e dal capo dell’Osservatorio Daniela Stradiotto, penso ci saranno delle novità per la prossima stagione”. Le prime aperture riguarderanno la vendita dei biglietti anche allo stadio e nel giorno stesso della partita, fino a pochi minuti prima del calcio d’inizio.

Tutto ruota attorno al recupero – voluto dal Viminale – della “dimensione sociale del calcio” favorendo il “ritorno delle famiglie allo stadio” e “il contenimento dei costi sociali”. A supportare la marcia indietro dopo anni di chiusura da parte degli istituzioni – nonostante anche una fetta bipartisan dei parlamentari abbia più volte incontrato i rappresentanti delle tifoserie e chiesto una revisione – ci sono i dati dell’ultimo anno: appena il 14,7% delle partite sono state valutate a rischio, una percentuale in linea con gli ultimi anni.

La bozza predisposta è al vaglio anche dei presidenti delle società che sarebbero maggiormente coinvolte nella gestione dei tifosi e nella gestione del ticketing e nel rafforzamento dei servizi di stewarding. Al vaglio anche una riduzione delle barriere, tanto osteggiate – ad esempio – nella curva dell’Olimpico di Roma. Gli stessi club, nel caso in cui dovessero esserci problemi con i propri ‘fidelizzati’, potranno sanzionarli e proibire l’ingresso allo stadio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antonio Cassano: “Non mi ritiro, chi mi vuole mi deve chiamare entro settembre”

prev
Articolo Successivo

Neymar-Psg, c’è un intoppo: i francesi depositano la clausola, ma la Liga rifiuta il pagamento

next