Legge sui vitalizi? La tragedia della stupidaggine è tutta del Pd. Facendo questo provvedimento di quello scimunito di Giachetti si è portata acqua al mulino del M5S, che giustamente ha brindato alla Camera. Roba da mentecatti politici come Richetti”. Sono le parole pronunciate ai microfoni de La Zanzara (Radio24) dall’ex segretario di Democrazia Proletaria, Mario Capanna, che, per la sua passata attività di consigliere regionale della Lombardia, percepisce un vitalizio di 5mila euro netti al mese. “A chi è contento di questa legge” – continua, rivolgendosi ai conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo – “dico: spero che quanto prima vengano intaccate le vostre pensioni. Mi meraviglio che esistano ancora giornalisti che si occupano di queste fregnacce e non delle grandi questioni, come, ad esempio, degli F-35, di cui non ci facciamo una pippa e che continuiamo ad acquistare”. E aggiunge, sfoderando una metafora a lui cara, già usata due anni fa nella stessa trasmissione: “E invece ammanniamo alla gente la ‘focaccia di Cerbero’ dei vitalizi. Questa legge è la premessa per depredare milioni di italiani. Il vitalizio non è un privilegio. Il metodo retributivo è giusto, la pensione va calcolata sull’ultimo stipendio. Non si era mai visto un provvedimento retroattivo. Non so quanto perdo, non me ne preoccupo. Soprattutto perché non passerà al Senato e sicuramente verrà bocciata dalla Corte Costituzionale. A cosa servono i miei 5mila euro? Per fare volontariato, li uso anche per la mia fondazione”. Poi passa all’attacco del giornalista Massimo Giletti: “Gli hanno chiuso ‘L’Arena’? Era una trasmissione cialtronesca e urlata, non credo che manchi a milioni di persone. Giletti ha prodotto un rincretinimento di massa. La trasmissione è stata chiusa per colpa sua. Mi sono rammaricato che la multa della Rai fosse così bassa, come minimo doveva essere di 50mila euro. Comunque cavoli suoi, sopravvivrà lo stesso. Ma se protesta, lotti e occupi la Rai”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi Emilia Romagna, fronte comune contro i tagli: dai Democratici di sinistra agli Msi 50 ex consiglieri ricorrono al Tar

next
Articolo Successivo

Migranti, Povia canta “Immigrazia” e Salvini applaude: “Uomo e artista coraggioso”

next