È morto, all’età di 79 anni, l’attore siciliano Marcello Perracchio, noto al grande pubblico perché interprete del personaggio del dottor Pasquano nella fiction “Il Commissario Montalbano”. Perracchio, con una prestigiosa carriera teatrale alle spalle, era riuscito a raggiungere il pubbilco nazionalpopolare grazie a uno dei personaggi più amati della saga poliziesca in salsa siciliana nata dalla penna di Andrea Camilleri. Un medico legale non convenzionale, spigoloso ma dall’intelligenza acuta, ghiotto di cannoli e in un continuo rapporto di benevola tensione con il poliziotto interpretato da Luca Zingaretti. Proprio commentando la passione sfrenata di Pasquano per i cannoli siciliani, l’attore qualche mese fa aveva rivelato che, essendo diabetico, i tipici dolci siciliani usati in scena erano rigorosamente senza zucchero.
Nel passato professionale di Perracchio, prima del boom con Montalbano, alcune parti in film e fiction importanti, sempre ambientati in Sicilia: Pizza Connection di Damiano Damiani, Il giudice ragazzino di Alessandro Di Robilant, Gente di rispetto di Luigi Zampa, La Piovra, L’onore e il rispetto, Eroi per caso.
Alla notizia della sua morte, molti lo hanno voluto ricordare sui social network. Soprattutto i tanti fan della fictione e del suo personaggio, ma anche, tra gli altri, Carlo Degli Esposti, patron della Palomar che produce la serie su Montalbano (“Ci mancherai dott. Pasquano. Addio a Marcello Perracchio) e l’account ufficiale di RaiCom, la divisione Rai che gestisce la distribuzione dei prodotti di viale Mazzini (“Addio all’attore Marcello Perracchio, indimenticabile dottor Pasquano, l’acutissimo e indolente medico legale del Commissario Montalbano”).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Giletti via dalla Rai? Il dg Orfeo: “Non ci ha fatto sapere nulla. La proposta è scaduta”

next
Articolo Successivo

I Fatti Vostri, ora è ufficiale: sarà Laura Forgia a prendere il posto di Adriana Volpe

next