Il video choc di una balena spiaggiata sulla riva del Senna, in prossimità della cattedrale di Notre Dame di Parigi. Fortunatamente, non si tratta di un vero e proprio cetaceo, ma dell’installazione artistica del collettivo belga noto come “Captain Boomer“. Si tratta di una provocazione che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’enorme impatto dell’attività dell’essere umano sul nostro pianeta. Lo spiaggiamento dei cetacei, spesso causato dalle interferenze dell’uomo, sembra essere un evento così lontano dalle nostre abitazioni, ma se accadesse nella nostra città, ci sentiremmo in qualche modo colpevoli? È questa, in sintesi, la domanda che ognuno di noi dovrebbe porsi guardando l’opera d’arte, in accordo con le parole di Tom Kenis, uno degli intervistati, membro dell’International Whale Association

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trivelle, la Consulta annulla il decreto del 2015: “Adottato senza intesa con le Regioni”

next
Articolo Successivo

Trentino, un uomo ferito da un orso. Vertice sulla sicurezza: “Rimuovere gli esemplari pericolosi”

next