Quanto guadagnano i fashion blogger, gli influencer più attivi sui social network? Ce lo chiediamo spesso, soprattutto quando ci capita di vedere una delle tante foto che pubblicano per documentare la loro vita certamente non low profile. A toglierci qualche dubbio, sul piano internazionale, arriva un pezzo del Daily Telegraph, che mette in fila i dieci influencer su Instagram più pagati al mondo. In testa alla top ten c’è Huda Kattan, beauty blogger con quasi 21 milioni di followers, che per ogni post sponsorizzato guadagna addirittura 18mila dollari.

Poco dietro si piazza Cameron Dallas, ventiduenne con 20 milioni di seguaci su Instagram, “ambassador” per Dolce & Gabbana, YouTuber, attore e protagonista di un reality tutto suo: il cachet per pubblicizzare qualcosa in un post è di 17mila dollari.

Si ferma a 15mila, invece, Jen Selter (11,4 milioni di followers su Instagram), social star americana nota anche e soprattutto, sottolinea il Telegraph, per il suo lato B. Per la britannica Zoe Sugg, fashion e beauty blogger da 11,1 milioni di seguaci, bisogna sborsare 14mila dollari, mentre per Nash Grier (esploso grazie ai video comici su Vine e adesso isntagrammer da 10,2 milioni di follower) la tariffa è di 13mila dollari.

Al sesto posto si piazza l’italiana Chiara Ferragni, già da anni sulla cresta dell’onda internazionale e da qualche tempo protagonista anche della scena di casa nostra grazie alla relazione con Fedez. La bionda fashion blogger (10 milioni di seguaci su Instagram) incassa 12mila dollari per ogni post sponsorizzato, seguita (a 10mila) dalla californiana Julie Sarinana (4,6 milioni di follower).

Ottava piazza per un’altra fashion blogger, Aimee Song, che chiede 9mila dollari, mentre al nono posto c’è Danielle Bernstein (1,7 milioni di seguaci su Instagram e 7mila dollari per ogni post). La classifica dei danarosi di Instagram si chiude con Liz Eswein, che grazie al suo profilo dedicato a New York ha coinvolto 1,3 milioni di persone e guadagna 6mila dollari a post.

L’invidiatissima top ten è stata stilata da HopperHQ, un servizio online a pagamento che permette di programmare la pubblicazione dei post su Instagram, dunque utilissimo proprio per i superimpegnati influencer che devono organizzare alla perfezione il loro impegno sui social.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matteo Salvini ed Elisa Isoardi, parla il leader della Lega: “Ci vogliamo bene. Siamo felicemente insieme”

next
Articolo Successivo

Milano, ecco il bunker 87: rifugio antiaereo “scoperto” grazie a un racconto del regista Ermanno Olmi

next