“L’Italia chiuda i suoi porti“, consiglia l’Ungheria. E ipotizza: se Austria e Germania ripristineranno i controlli ai confini, tutti i migranti che arrivano da sud resteranno in Italia. “No alle minacce e alle improbabili lezioni“, replica Paolo Gentiloni. Sale la tensione tra Roma e i Paesi che in Europa si rifiutano di collaborare nel ricollocamento e nell’accoglienza dei richiedenti asilo: giovedì era stato il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz a chiedere di “interrompere i trasferimenti dei migranti da Lampedusa.

 

Di fronte ai flussi di migranti in arrivo dal mar Mediterraneo, Roma ha due opzioni: “chiudere” i porti o accettare l’assistenza europea che però è inefficace, ha detto il premier ungherese Viktor Orban in un’intervista a Kossuth Radio, ripresa dal sito ufficiale del governo. Orban ha chiesto una divisione razionale dei compiti all’interno dell’Ue, affermando che Bruxelles non possa fermare i flussi di migranti: “Non abbiamo bisogno di una politica comune europea sui migranti, e non abbiamo bisogno di un’agenzia comune europea per i migranti, perché porteranno soltanto caos, difficoltà e sofferenza”.

Il premier ungherese ha anche dichiarato che i Paesi del gruppo Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria) hanno scritto una lettera al presidente del Consiglio italiano, in cui si dicono d’accordo sul fatto che i flussi debbano essere interrotti in Libia. “Una nazione che non è capace di difendere i suoi interessi non è una nazione, nemmeno esiste, e scomparirà“, ha affermato ancora Orban nell’intervista.

“Dai nostri vicini, dai Paesi che condividono il progetto europeo abbiamo diritto di pretendere solidarietà – la risposta di Gentiloni – non accettiamo lezioni né parole minacciose. Serenamente ci limitiamo a dire che noi facciamo il nostro dovere e pretendiamo che l’Europa faccia il proprio senza darci improbabili lezioni”.

Il punto è che l’Italia considera un atteggiamento solidale la partecipazione di tutti gli Stati Ue al ricollocamento dei richiedenti asilo, mentre i Paesi di Visegrad offrono al massimo aiuto di tipo economico. “I Paesi del V4 sono pronti a contribuire in modo significativo – si legge nella lettera inviata al premier italiano a metà settimana, dopo una riunione a Budapest – con contributi finanziari e di altro genere, in linea col nostro approccio generale e le nostre capacità nazionali, escludendo azioni o strumenti che potrebbero creare ulteriori e più forti fattori attrattivi (pull factor) per la migrazione, specialmente ricollocamenti o meccanismi obbligatori di ridistribuzione automatica (come le quote ipotizzate a partire dal 015 dalla Commissione Ue, ndr)”, scrivono i premier ceco Bohuslav Sobotka, slovacco Robert Fico, ungherese Orban e polacco Beata Szydlo.

Nel documento i quattro Paesi ribadiscono la necessità che “i veri richiedenti asilo” siano “identificati prima di entrare in Ue” e dettagliano i contributi che sono pronti a dare. Quindi contribuiti “alle attività Ue alle frontiere meridionali della Libia, su richiesta; ad organizzare, proteggere e creare condizioni di vita umana negli hotspot fuori dai territori Ue; ad addestrare i guardacoste libici; a rafforzare le capacità dell’Ufficio per l’asilo europeo (Easo); e per il Codice di condotta delle Ong.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ceta, anche Rignano dice No al trattato col Canada. Chi tutela il made in Italy?

prev
Articolo Successivo

Rapporti Europa-Africa, ‘aiutamoli a casa loro’ in versione Merkel

next