Polemica accesa a L’Aria che Tira Estate (La7) tra la deputata di Forza Italia, Daniela Santanchè, e il parlamentare di Sinistra Italiana, Erasmo Palazzotto, sul caso della spiaggia di Chioggia, ‘Playa Punta Canna’, diventata famosa per l’allestimento in stile Ventennio pensato dal suo gestore, Gianni Scarpa, che poi, su ordine della Prefettura, ha dovuto togliere i cartelli con foto di Mussolini e slogan fascisti. Scarpa è indagato per apologia di fascismo. Santanchè minimizza: “A me tutto questo fa sorridere, perché non credevo che mettere una maglietta con la faccia del duce o dei cartelli che poi sono marketing fosse apologia di fascismo. E sono ben contenta che il signor Gianni oggi faccia un fatturato sicuramente migliore di prima. Non è un problema. Ci stiamo occupando di un ‘non problema’. A me non impressiona”. E rivela: “Io sul comodino ho una bellissima testa del duce in legno, che mi hanno regalato. Ce l’ho, la tengo, non me ne vergogno. Ma non è che con questo inneggio al fascismo”. Indignata la reazione di Palazzotto: “La banalizzazione del male è un problema in questo Paese. A furia di costruire questa propaganda e di minimizzare l’apologia del fascismo, siamo arrivati al punto in cui dilagano fenomeni di razzismo e di xenofobia. Ormai quasi ovunque si comincia così e si finisce col mettere le persone nei campi di concentramento, come ha fatto il ‘buon’ duce di cui l’onorevole Santanchè ha una effigie sul comodino”. “Lei pensi a Lenin e a Stalin, a cui sono intitolate le piazze”, insorge Santanchè. “Io non ho effigi di Stalin sul comodino“, ribatte il deputato di Sinistra Italiana

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, Mauro Corona vs Meloni (FdI): “Lei ha una parlantina ‘troppica’, cioè parla troppo”

prev
Articolo Successivo

Davigo: “In tutti i Paesi civili tolgono diritti politici ai delinquenti. Solo in Italia qualcuno vuole toglierli ai magistrati”

next