Una settimana fa era stato ricoverato Valentino Gallo (al centro nella foto) all’ospedale di Siracusa nel reparto di immunologia, e oggi l’intera squadra della nazionale di pallanuoto azzurra in vista dei Mondiali di Budapest “per il monitoraggio del quadro clinico e ulteriori valutazioni diagnostiche, è stata sottoposta ad accertamenti sierologici per l’esclusione di malattie virali”. Il timore della Federnuoto è che Gallo abbia contratto il morbillo anche se, come riporta AdnKronos, non si hanno al momento conferme che sia stato ricoverato proprio a causa del virus.

A conclusione degli esami gli atleti Marco Del Lungo, l’unico a quanto si apprende a cui è stato diagnosticato il morbillo fino ad ora, e che tra l’altro era stato vaccinato da bambino come Alessandro Velotto, sono stati sostituiti in via precauzionale da Stefano Tempesti – che rientra in azzurro – e da Cristiano Mirarchi. Al posto di Gallo, invece, andrà Andrea Fondelli. Sia Del Lungo che Velotto ad ogni modo non hanno avuto nessuna manifestazione di febbre o altro. L’intero Settebello è stato sottoposto ad accertamenti per escludere la possibilità che ci sia un portatore a Budapest.

Questa la lista dei convocati. Portieri: Stefano Tempesti (Pro Recco), Goran Volarevic (Pro Recco). Difensori: Zeno Bertoli (AN Brescia), Niccolò Gitto (Sport Management), Nicholas Presciutti (AN Brescia), Cristiano Mirarchi (Sport Management). Attaccanti: Francesco Di Fulvio (Pro Recco), Pietro Figlioli (Pro Recco), Andrea Fondelli (Pro Recco), Alessandro Nora (AN Brescia), Vincenzo Renzuto Iodice (CN Posillipo). Centroboa: Michael Alexandre Bodegas (Pro Recco), Matteo Aicardi (Pro Recco). Tempesti, Mirarchi e Fondelli sostituiscono gli indisponibili Valentino Gallo (Sport Management), Marco Del Lungo (AN Brescia) e Alessandro Velotto (CC Napoli).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tour de France, Matthews vince la 14ª tappa e Fabio Aru perde la maglia gialla

prev
Articolo Successivo

Leonardo Bonucci, cosa penso mentre metto via la sua maglia

next