Ucciso in campagna a colpi di lupara, dopo che in passato era stato assolto a sua volta dall’accusa di omicidio. È un assassinio che sembra arrivare direttamente dagli anni ’60 quello di Filippo Marchì, un commerciante di auto di 48 anni sposato con due figli,  ammazzato nella campagna di sua proprietà a Barrafranca, in provincia di Enna. Secondo quanto riporta il sito locale vivienna.it, l’omicidio è stato compiuto da un commando di tre uomini, che hanno freddato la vittima mentre stava lavando la sua auto nell’appezzamento di terreno di fronte l’abitazione: i tre sono poi fuggiti in macchina. Il corpo dell’uomo è stato trovato dalla moglie e dalla figlia, accorse dopo aver sentito i colpi. Secondo le prime informazioni, l’uomo sarebbe stato raggiunto da una o più rose di pallettoni sparati da almeno un fucile a canne mozze, anche se ancora non ci sono conferme sul tipo di armi utilizzate.

Sul luogo sono intervenuti i carabinieri e il sostituto procuratore della dda di Caltanissetta, Santi Roberto Condorelli, coordinatore delle indagini antimafia per la zona della provincia di Enna. Nel 2001 Marchì fu accusato di avere ucciso un imprenditore del settore movimento terra a Barrafranca, trovato morto in auto sulla strada provinciale Enna-Barrafranca. Dopo l’assoluzione in primo e secondo grado, non impugnata dalla procura e quindi diventata definitiva, il commerciante aveva chiesto al ministero della Giustizia un risarcimento di oltre mezzo milione di euro per ingiusta detenzione. Quel delitto del 2001 è rimasto irrisolto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Femminicidio, condannato a 30 anni il marito di Raffaella Presta. Ma la giustizia è ancora lontana

prev
Articolo Successivo

Foggia, muore 23enne accoltellato da un autista del 118. L’aggressore: “Voleva fare pipì sotto casa mia”

next