Una bimba di 3 anni, residente in un campo rom di Scampia, è stata trovata morta dalla madre all’interno dell’automobile del nonno. La piccola è stata portata dalla donna e da alcuni parenti al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco, dove i sanitari non hanno potuto far altro che verificarne il decesso. Sull’episodio indaga il commissariato di polizia di Scampia. La macchina non era chiusa né dall’esterno, né dall’interno e saranno i medici ad accertare le cause del decesso, dovuto probabilmente a un malore o forse ad asfissia a seguito della lunga permanenza all’interno della vettura.

Tante le ipotesi al vaglio del commissariato di Scampia. A insospettire gli investigatori la presenza di una ferita sulla fronte della piccola che non si sa ancora come sia stata procurata. Di certo sembra che la bimba non sia stata dimenticata in auto. Forse ha perso i sensi per la botta alla testa o potrebbe essersi addormentata sotto il sole. O forse si era nascosta in auto per un gioco rivelatosi tragico. La madre ha riferito di essere uscita dal campo e, non avendola trovata al suo ritorno, di averla cercata per ore fino a scorgerla nell’auto del nonno priva di sensi. Di qui la corsa disperata verso l’ospedale ma per la bimba non c’era già più nulla da fare. La polizia sta interrogando i familiari per ricostruire con maggiore precisione le ore del pomeriggio che hanno preceduto il ritrovamento del corpo. E chiarire quello che al momento è ancora un giallo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Garlasco, cerca di sedare una lite: ucciso con un colpo di pistola al petto

next
Articolo Successivo

Colf uccisa a Milano, l’autopsia non risolve il mistero. “Non si può escludere l’ipotesi del suicidio”

next