Gli aveva chiesto di spostarsi perché il fumo della sigaretta dava fastidio. Sarebbe questo il motivo che ha spinto un 52enne di origini marocchine a reagire e colpire con un cacciavite al torace un diciottenne egiziano, uccidendolo.

La lite è scoppiata intorno alla mezzanotte di sabato fuori da un bar in piazza Tirana a Milano, nella periferia sud della città. La vittima, Roberto Farok Samir Halim, dopo la richiesta, avrebbe spinto Mostafa El Gatnaoui, che tirato fuori il cacciavite ha colpito al cuore il giovane.

Il diciottenne, portato d’urgenza al San Paolo, è morto in ospedale poco dopo. L’aggressore a quanto pare aveva bevuto molto.  È stato bloccato dagli amici della vittima che l’hanno gettato a terra e lo hanno picchiato: l’uomo ha rischiato il linciaggio.

Poco dopo il 52enne, da oltre vent’anni in Italia e con vari precedenti penali,  è stato fermato dai carabinieri mentre tentava la fuga. La vittima era un muratore incensurato, nato in Italia da genitori egiziani.  Il marocchino rimasto leggermente ferito nei momenti concitati seguiti all’aggressione, è ora nel carcere di San Vittore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fortuna Loffredo, Raimondo ‘Titò’ Caputo condannato all’ergastolo: “Ha stuprato e ucciso la bambina”

next
Articolo Successivo

Valsusa, insegue e travolge col furgone una moto dopo una lite: muore ragazza. Grave il compagno. L’autista era ubriaco

next