Se fino a qualche ora fa il gossip più gettonato dell’estate sembrava la neonata storia d’amore tra Ambra Angiolini e l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri, ecco che Franco Di Mare, conduttore di Uno Mattina, sposta su di sé l’attenzione. “Di Mare lascia la moglie per una barista di 24 anni”, titolavano alcuni post e giornali scandalistici. E il conduttore ha pensato di intervenire personalmente raccontando in un post su Facebook la sua versione dei fatti: “Mai avrei immaginato di dover scrivere di mie questioni private in questo spazio aperto a tutti. Sono sempre stato portato a stare lontano dal gossip – ha scritto i conduttore – e ho sempre creduto che le questioni personali (e a maggior ragione quelle intime) dovessero restarsene saldamente ancorate nella sfera impenetrabile del privato. Ma poiché, nelle scorse ore, sono circolate molte notizie false sul conto mio e di altre persone che amo, credo di dovere qualche precisazione…”. Di Mare racconta che la separazione tra lui e la moglie risale a molto tempo fa, ben prima che lui e la giovanissima Giulia si conoscessero e iniziassero a vivere la loro storia d’amore: “Dopo anni di separazione di fatto, a me è successo di incontrare un’altra persona. Capita. E per certi aspetti è una benedizione. Vuol dire che la vita va avanti, se si è capaci di rimettersi in gioco”, ha scritto. Precisando anche che Giulia non fa la barista, come in molti avevano detto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nina Moric definì Belen Rodriguez “un viado”. Si aggrava la posizione della modella croata in tribunale

next
Articolo Successivo

Turismo mordi e fuggi: dal sesso sull’arenile ai bivacchi low cost, tutte le misure dei sindaci per evitare “l’estate cafona”

next