A gennaio, durante il CES, NVIDIA presentò la GTX1050, GPU entry-level da gaming della famiglia GTX10, sia per il mercato desktop che per il mercato notebook promettendo di portare i vantaggi dell’architettura Pascal anche nelle fasce più economiche del mercato. In ambito notebook il nuovo chip ha permesso ai produttori di portare sul mercato soluzioni gaming con prezzi inferiori (anche se di poco) ai 1000€, cosa che ci aveva portato qualche mese fa ad interrogarci sulle effettive capacità da gaming dei nuovi notebook.

Per rispondere ai nostri interrogativi abbiamo avuto la possibilità di mettere sotto torchio l’MSI GP62M 7RD Leopard (mod.215IT), notebook da gaming di MSI dotato di GTX1050 e con un prezzo di listino di 999€, su vari giochi e compararne le prestazioni con dispositivi da gaming di fascia prestazionale e di prezzo superiore. Tra i giochi che abbiamo dato in pasto al notebook di MSI ci sono Mass Effect: Andromeda, Ghost Recon: Wildlands, Overwatch, For Honor ed Assetto Corsa, con gli ultimi 3 protagonisti dei confronti.

Nelle prossime pagine troverete le schede tecniche ed i risultati della prova

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

DreamHack Summer 2017: da CS:GO a Heroes, da Hearthstone a PUBG e Pokken, l’evento dedicato ai videogiocatori

prev
Articolo Successivo

Motorola torna sul mercato italiano con il Moto Z2 Play

next