Tre giorni indimenticabili quelli trascorsi (dal 17 al 19 giugno 2017) a Jonkoping, in Svezia, protagonista il DreamHack Summer, evento dedicato al mondo dei videogiochi e delle competizioni elettroniche. Nato nel lontano 1994, da più di vent’anni accoglie tornei e videogiocatori attraverso tappe itineranti nel mondo. Quasi una sorta di franchising di eventi che sotto la stessa insegna si svolgono a Valencia, Austin, Tours, Leipzig, Atlanta, Montreal e Denver: un brand che attraversa Europa e Nord America e che rappresenta il punto di riferimento per gli amanti del mondo videoludico (e non solo) occidentale.

Al centro congressi di Elmia, sulla sponda sudest del lago Vattern, giocatori, curiosi e semplici appassionati si sono dati appuntamento per trascorrere insieme un weekend lungo dedicato a 360 gradi al videogioco. Non solo tornei aperti ai migliori giocatori competitivi al mondo, ma un vero e proprio raduno aperto a tutti i videogiocatori: occasionali, hardcore e tutte le vie di mezzo esistenti. Unico requisito: portarsi da casa PC, periferiche e sedia, senza dimenticare cuscini e materassini gonfiabili.

Gli organizzatori, infatti, non solo mettono a disposizione postazioni dotate di presa di corrente e linea internet per più di 1000 computer (a cui vanno aggiunte quelle per le varie dirette streaming e l’accesso per tutti gli altri device in loco, come tablet e smartphone), ma anche apposite zone dove accomodarsi per riposare e dormire disponibile 24 ore su 24. Terminato l’orario di apertura al pubblico il DreamHack rimane aperto per coloro che hanno acquistato il pass per utilizzare le postazioni, grazie a quale possono restare giorno e notte (durante tutto l’evento) con la possibilità di poter giocare liberamente, seguire uno streaming, guardare le proprie serie TV preferite, come se fossero a casa ma al contempo in compagnia di altri che condividono la medesima passione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torna sul mercato la trilogia Crash Bandicoot N.Sane, un altro capitolo dell’anno della nostalgia?

next
Articolo Successivo

È possibile un notebook da gaming a meno di 1000€? La nostra prova dell’MSI GP62M Leopard

next