“Meno plastica, più mediterraneo”. Prende il via da Genova la tappa italiana del tour europeo che la “Rainbow Warrior”, nave ammiraglia della flotta di Greenpeace, sta effettuando per raccogliere dati e testimonianze dirette sull’inquinamento da plastica in mare. Il tour italiano della campagna di ricerca scientifica e sensibilizzazione sul problema delle macro e micro plastiche nel Mediterraneo prevederà la circumnavigazione della penisola. Il team scientifico è composto da ricercatori di Scienze Marine del CNR, la Stazione Zoologica Dohrn di Napoli e l’Università Politecnica delle Marche. Come diffuso nel report “Un mediterraneo pieno di plastica”, i materiali di plastica rappresentano tra il 60% e l’80% dei rifiuti marini, il cui impatto inquinante non riguarda solamente i fondali e l’ecosistema, ma potrebbe danneggiare anche la salute umana che si nutre di specie marine. Alla presentazione è stata lanciata anche una lettera aperta che è possibile sottoscrivere on-line in cui si chiede al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti un maggiore impegno nella riduzione dei prodotti usa e getta e alcune richieste in questa direzione da rivolgere all’Unione Europea in vista della imminente revisione delle Direttive comunitarie sui rifiuti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sardegna, carcasse di delfini mutilati: indaga la Capitaneria di Porto

prev
Articolo Successivo

Emergenza siccità: tecnici sotto scorta in Irpinia, il Po ridotto a 13 centimetri e le capre pascolano nel lago di Bracciano

next