Erano intestate a stranieri, persone morte o inesistenti le 35mila sim attivate da un’azienda romana finita nel mirino della Guardia di Finanza. Che ha eseguito un sequestro preventivo per un valore di oltre 400mila euro. I finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito il decreto del Tribunale sui beni di proprietà della ditta attiva nel settore della telefonia mobile.

Dodicimila schede erano intestate a 3.000 cittadini stranieri, tutti residenti al medesimo indirizzo, sede di una comunità religiosa estranea ai fatti. Le altre schede sono risultate invece intestate a persone decedute o inesistenti, o attivate utilizzando indebitamente i dati personali degli ignari cittadini, clienti del dealer. Sono dodici gli indagati per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, all’accesso abusivo a sistemi informatici e al trattamento illecito dei dati personali. Il sequestro riguarda rapporti finanziari, titoli e auto della società capofila. Che è stata sanzionato per 6 milioni di euro.

Le indagini hanno preso il via nel marzo del 2015, a seguito di un tentativo di rapina sventato dalle Fiamme Gialle dell’aeroporto di Fiumicino in una gioielleria del centro commerciale Cinecittà 2. I malviventi utilizzavano schede telefoniche intestate ad altri soggetti al fine di criptare le comunicazioni intercettate. Dopo due anni di approfonditi i finanzieri hanno ricostruito i fatti e hanno scoperto che la totalità delle schede utilizzate era stata attivata in punti vendita riconducibili tutti al medesimo master dealer.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Settimo Torinese, neonato abbandonato sul ciglio della strada: morto in ospedale

next
Articolo Successivo

Catania, buco da 14 milioni per Istituto musicale Bellini: 23 arresti

next