Gli ultimi due decreti attuativi della riforma Madia sono legge. Il ministro della Pubblica amministrazione, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, ha spiegato che lo statale “bocciato” per tre anni di fila sarà licenziato. Accanto ai furbetti del cartellino, alle assenze ingiustificate e alle false dichiarazioni per ottenere posti e promozioni, le nuove regole impongono il licenziamento anche per chi viola in modo grave e reiterato i codici di comportamento oppure per scarso rendimento, e incassa “costanti valutazioni negative”. “Dal monitoraggio del ministero abbiamo la prova concreta dell’efficacia delle sanzioni” per i furbetti, ovvero il licenziamento lampo – spiega il Ministro Madia. “Non solo spot, funzionano. E i vizi formali non le annullano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marcia migranti, Salvini: “Un insulto ai poliziotti feriti in Centrale e agli italiani che vivono in povertà”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale in Aula il 5 giugno: rinvio di una settimana per garantire le opposizioni (ma senza ostruzionismo)

next