È un Massimo Giletti assai incupito, quello che apre l’ultima puntata dell’Arena su RaiUno. “Non so se resterò in Rai” – ha esordito il conduttore piemontese – “Il mio futuro è incerto”.

Il riferimento è all’assoluta incertezza sul rinnovo del contratto che lega Giletti a viale Mazzini. E il conduttore, nel suo sfogo in diretta, rivendica i successi ottenuti: “Ho dato molto a questa azienda con un programma che fa quattro milioni di spettatori a puntata. Abbiamo un gruppo di lavoro di cui la Rai dovrebbe essere orgogliosa, anche per i risultati nelle rare volte in cui siamo andati in onda in prima serata. Cosa farò? Non lo so”.

E non lo sa davvero, visto che dal settimo piano di viale Mazzini non arriva nessun segnale che possa sbrogliare la matassa. E la confusione all’ombra del cavallo morente non riguarda solo Giletti. A oggi, non si conosce il futuro di grossi nomi come Fabio Fazio o Nicola Savino, e via giù fino alle seconde e alle terze linee dei talent di casa Rai.

Il problema principale è che sono i vertici stessi a non conoscere il proprio futuro, con Antonio Campo Dall’Orto dato da molti in uscita. Fino a poche settimane fa, si dava la responsabilità dei dubbi sulla prossima stagione alla norma sul tetto agli stipendi anche delle star, ma una volta scampato il pericolo, le cose non sono affatto cambiate. Tra un mese circa verranno svelati i palinsesti ma al momento i punti interrogativi sono molto più numerosi e ingombranti delle conferme. E intanto Mediaset resta a guardare, pronta ad accogliere a braccia aperte eventuali “appiedati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Eurovision Song Contest 2017, ecco la scaletta della serata

prev
Articolo Successivo

1993, al via la serie Sky firmata Stefano Accorsi: è l’anno del terrore, e il racconto si fa più incalzante

next