Alessandro Pelliccia, disabile residente a Subiaco, paesino in provincia di Roma, doveva prendere un bus per Frosinone. Purtroppo ha dovuto rimandare il viaggio perché non tutti i mezzi della Cotral, l’azienda di trasporto pubblico regionale, sono dotati della pedana necessaria per consentire l’accesso alle persone con disabilità.

Eppure i bus “sono nuovi di zecca – sottolinea Alessandro – hanno poche settimane di vita, appena acquistati, ma evidentemente l’azienda non ha tenuto conto delle necessità delle persone con disabilità”. Le cose non stanno proprio così, il problema è a monte. Non esiste infatti nessuna norma che obblighi le aziende del trasporto pubblico extraurbano a dotare la totalità dei propri bus nuovi di pedana per disabili. La Cotral, contattata da ilfattoquotidiano.it, ha spiegato che ha “acquistato 360 bus nuovi di cui il 20% è attrezzato di pedana”. Comunque “l’azienda garantisce a tutti gli utenti che ne fanno richiesta preventivamente, tramite prenotazione, la possibilità di accedere a bordo di autobus adeguatamente equipaggiati”.

Una pratica che Alessandro conosce bene: “Da sempre mi prenoto prima se ho necessità di andare a Roma o altrove – spiega – visto che non posso pretendere che bus vecchi siano tutti attrezzati per trasportare disabili. Ma è inaccettabile che debba fare lo stesso anche quando la tratta è coperta da autobus nuovi di zecca. Anche perché cosa vuole dire prenotarsi? Io non posso decidere all’ultimo momento di prendere un autobus e andare da qualche parte?”

Una pratica che, nonostante non violi alcuna normativa, risulta discriminante nei confronti dei disabili che, al contrario dei normodotati, devono decidere con largo anticipo cosa fare e dove andare. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, lo studio sui commenti in rete: “Dibattito condizionato da tono media. Per utenti sono minaccia economica”

next
Articolo Successivo

Bahrain, Fadhel Radhi sarà il primo imputato civile sottoposto alla corte marziale

next