Che legge elettorale vuole il Pd? Quale vuole il M5s? E quale Forza Italia? Come funzionano i due sistemi elettorali su cui il Parlamento si sta dividendo in due schieramenti? E quanti voti e di chi sono a sostegno dell’uno e a sostegno dell’altro? Ilfatto.it tenta l’impossibile: fare chiarezza sul dibattito sulla riforma elettorale, tra Italicum bis conosciuto Legalicum e il sistema tedesco ma corretto e quindi ribattezzato Verdinellum dalle male lingue solo perché l’ha proposto Verdini. Una cosa è certa: nessuno dei due sistemi garantisce l’esclusione della necessità, dopo le elezioni, di maggioranze di governo spurie: larghe intese, grandi coalizioni, appoggi esterni. Ma con l’Italicum, dando uno sguardo ai sondaggi, è quasi certo.

Legge elettorale, come funzionano l’Italicum bis e il sistema “tedesco corretto”. E chi li vuole

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legge elettorale, Scotto: “Via i capilista bloccati o sarà ostruzionismo. Sistemi sbagliati passepartout per populismo”

prev
Articolo Successivo

Incontro Renzi-Prodi, la battuta del segretario Pd al Prof: “Io alla tua sinistra, è una notizia”. “Dipende da come uno si volta”

next