La Comunità di Sant’Egidio ha organizzato, nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma, una veglia di preghiera in memoria delle tre sorelle rom di 4, 8 e 20 anni, morte nel tragico incendio che ha distrutto il loro camper martedì notte a Centocelle. Alla preghiera, presieduta da mons. Paolo Lojudice, vescovo ausiliare di Roma sud, hanno partecipato la madre, Mela Hadzovic, alcuni degli otto fratelli e altri familiari delle tre sorelle. Alla commemorazione presenti anche il vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio e l’assessore alle Pari Opportunità Lucia Valente. “Non ci si può credere – ha detto monsignor Lojudice durante l’omelia – non si può arrivare a tanto, pensiamo tutti. Ma sarebbe facile scaricare le coscienze pensando a un colpevole, uno solo. Ne siamo convinti? E le nostre responsabilità dove sono? L’amministrazione pubblica poteva fare di più, ma anche la comunità cristiana, troppo spesso presa da altre cose e troppo discriminante”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vicenza, messaggi hard alle studentesse minorenni: insegnante licenziato

next
Articolo Successivo

Bergamo, preside patteggia 4 mesi: “shampoo” agli studenti e cartelli umilianti

next