La Comunità di Sant’Egidio ha organizzato, nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma, una veglia di preghiera in memoria delle tre sorelle rom di 4, 8 e 20 anni, morte nel tragico incendio che ha distrutto il loro camper martedì notte a Centocelle. Alla preghiera, presieduta da mons. Paolo Lojudice, vescovo ausiliare di Roma sud, hanno partecipato la madre, Mela Hadzovic, alcuni degli otto fratelli e altri familiari delle tre sorelle. Alla commemorazione presenti anche il vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio e l’assessore alle Pari Opportunità Lucia Valente. “Non ci si può credere – ha detto monsignor Lojudice durante l’omelia – non si può arrivare a tanto, pensiamo tutti. Ma sarebbe facile scaricare le coscienze pensando a un colpevole, uno solo. Ne siamo convinti? E le nostre responsabilità dove sono? L’amministrazione pubblica poteva fare di più, ma anche la comunità cristiana, troppo spesso presa da altre cose e troppo discriminante”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vicenza, messaggi hard alle studentesse minorenni: insegnante licenziato

prev
Articolo Successivo

Bergamo, preside patteggia 4 mesi: “shampoo” agli studenti e cartelli umilianti

next