Connettività e assistenza da remoto alla guida sono temi quanto mai attuali, nell’automotive. Seppur tali sistemi siano tuttora appannaggio prevalente di modelli premium. Eccetto che per la gamma Opel, che da un anno e mezzo è stata dotata del sistema OnStar, un “assistente” personale disponibile 24 ore al giorno che negli Stati Uniti e in nord America conoscono bene da parecchi anni. I servizi offerti vanno dalla chiamata automatica all’assistenza in caso di incidente o furto, fino alla diagnostica del veicolo. Ma non finisce qui, perché gli operatori OnStar possono fare anche tante altre cose come trovare un parcheggio, o prenotare una camera d’albergo ad esempio. Una sorta di angelo custode dunque, che ha già ricevuto 21 mila chiamate e con cui sono state effettuate 9 milioni di interazioni, anche grazie alla specifica app MyOpel scaricabile da smartphone. In più, da oggi, la connettività viaggia più veloce con il Wi-Fi 4G LTE, finalmente disponibile anche nel nostro Paese: insomma, si potrà restare in contatto tramite il web e i social con i propri parenti e amici anche in viaggio, lavorare, guardare la TV e tenere buoni i bambini… Tutto nello stesso momento, visto che è possibile collegare fino a 7 device con connessione internet stabile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Peugeot 308, il restyling convince. Soprattutto sotto al cofano

next
Articolo Successivo

Una DS7 Crossback per Emmanuel Macron – FOTO

next