Il Festival di Cannes si ribella allo streaming. Dal 2018, infatti, potranno entrare nella selezione ufficiale del festival solo le pellicole che avranno una distribuzione nelle sale cinematografiche francesi. Insomma, Netflix sarà in concorso quest’anno per la prima e ultima volta, se Cannes non cambierà idea.

La polemica è nata attorno a Ojka e The Meyerowitz Stories, due produzioni Netflix ammesse in concorso a Cannes. Sono stati in molti a insorgere contro la partecipazione del colosso americano dello streaming al festival, dai puristi della sala cinematografica agli esercenti francesi, in particolare la Federazione nazionale dei cinema francesi (FNCF). La Federazione vuole che ogni film in concorso al festival venga poi diffuso in sala, ma c’è un problema: la legge francese impedisce la distribuzione di un film in streaming per i primi 36 mesi dall’uscita nelle sale. Troppo per un’azienda come Netflix, che punta prima di tutto ad ampliare il suo catalogo online.

Due settimane fa Netflix aveva dichiarato di voler distribuire Ojka e The Meyerowitz Stories in alcuni cinema d’essai del Paese per una settimana a partire dal 28 giugno, lo stesso giorno in cui diventeranno disponibili in streaming agli abbonati. Un compromesso che per Cannes non è stato sufficiente a placare gli animi: “Il Festival è consapevole dell’ansia suscitata dall’assenza di distribuzione cinematografica di quei film in Francia”, si legge in una nota di mercoledì. “Cannes ha invitato invano Netflix ad accettare che questi due film potessero raggiungere il pubblico dei cinema francesi e non solo i suoi abbonati. Il Festival si rammarica che non sia stato raggiunto alcun accordo”.

E Cannes “vuole ribadire il suo sostegno alla tradizionale modalità di esposizione del cinema in Francia e nel mondo”. Quindi “ha deciso di adattare le sue regole a questa situazione invisibile finora: qualsiasi film che desideri competere in concorso a Cannes dovrà impegnarsi a essere distribuito nei cinema francesi”. La nota continua precisando che la nuova misura verrà applicata dall’edizione 2018 del Festival, garantendo quindi la partecipazione di Netflix alla kermesse di quest’anno.

La risposta di Netflix non si è fatta attendere. Il Ceo Reed Hastings ha scritto su Facebook che “l’establishment sta facendo fronte comune contro di noi”, invitando poi gli abbonati a guardare “Okja dal 28 giugno, un film che le catene cinematografiche vogliono estromettere dalla competizione di Cannes”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sognare è vivere, dal romanzo di Amos Oz il film di e con il premio Oscar Natalie Portman

next
Articolo Successivo

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel weekend del 13 e 14 maggio

next