Un’ora e mezza di confronto, a tratti acceso, con domande serrate del pubblico, alcune critiche e alcuni elogi, e pure una contestazione. Volendo usare poche parole si può sintetizzare così la lezione di Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, chiamato a parlare all’università di Harvard dagli studenti di Yes Europe Lab. “È il primo esponente della destra populista e conservatrice qui ad Harvard – ha detto presentandolo il professor Archon Fung – è raro come avere un comunista o un unicorno“. Invitato all’Ash Center for democratic Governance and innovation, nella Kennedy School di Harvard, Di Maio ha letto prima il suo intervento in inglese, per poi passare circa un’ora a rispondere a una serie di interventi e quesiti della platea. Alcuni molto severi. Un medico, ad esempio, ha accusato la “nuova classe politica del Movimento 5 stelle” di avere una scarsa preparazione culturale e di essere quindi impreparata a governare. “Lei – si è rivolto a Di Maio – è qui a parlare in questo ‘tempio dell’educazione’ e non ha nemmeno terminato il suo percorso di studi all’università”. “Penso  – ha replicato il vicepresidente della Camera – di essere uno di quelli che rappresentano una forza politica che voleva avere più tempo per formarsi, per crescere, per provare a governare questo Paese. Ma visto che gli ‘esperti‘, quelli preparati, lo hanno ridotto in queste condizioni, non ha tempo per riuscire a organizzarsi con lentezza e per questo molti di noi hanno lasciato la vita che facevano e hanno deciso di impegnarsi in prima persona per provare a cambiare le cose”.  Nel video alcuni momenti estratti dalla diretta Facebook pubblicata sulla pagina dell’Università.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti, Meloni: “Rapporto Frontex su ong? Governo chieda scusa al procuratore Zuccaro”

next
Articolo Successivo

Legittima difesa, prefetto Serra: “Mi irrita, è norma acchiappa-voti. Clandestini? Vanno rimpatriati, blitz servono a poco”

next