La mattinata delle primarie Pd ai seggi di Milano si trascina lentamente. Code non ce ne sono, per ora. Ma a mancare è soprattutto l’entusiasmo per un risultato che ai più appare scontato. “Sono del Pd, ma queste primarie non mi appassionano per la piega che ha preso il partito negli ultimi anni”, dichiara una persona ancora indecisa. “Stavolta sopra il milione di votanti è già un successo”, spiega più di una voce tra volontari ed elettori. Tutti prevedono una vittoria netta di Matteo Renzi, che in questo modo si riprenderà in mano il partito in vista delle elezioni. “È l’unico del Pd che può vincere e tornare al governo”, affermano i suoi sostenitori. “Ma è importante testimoniare che nel Pd c’è una pluralità di anime”, dichiara un elettore di Andrea Orlando. “Andrò a votare contro Renzi, temo che farà un’alleanza con Berlusconi dopo le elezioni”, annuncia una ragazza. L’ipotesi non spaventa solo lei. E c’è pure chi vota alle primarie, ma ancora non sa se voterà Pd alle politiche: effetti collaterali di una primaria aperta ai non iscritti  di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ddl Penale, gli alfaniani vogliono che la corruzione si prescriva prima. E gli emendamenti sono dell’indagato Marotta

prev
Articolo Successivo

Primarie Pd a Napoli, brogli e commercio di voti? Il partito manda Ernesto Carbone (da solo) a vigilare i seggi (tutti)

next