Tear down the wall” erano le parole, ripetute in un crescendo entusiasmante, con cui Roger Waters, bassista e autore dei Pink Floyd, chiudeva la sua opera rock e prevedeva il crollo dei muri che alla fine del secolo scorso ci avrebbe fatto illudere di poter vivere in un mondo più libero e più aperto. Oggi invece muri e steccati, divisioni fisiche o metaforiche, sono prepotentemente invocati da società sempre più insicure.

Una piccolissima eccezione è costituita dalla Terza Casa Circondariale del carcere romano di Rebibbia. Da qualche tempo è attivo, all’interno della struttura, un forno che rifornisce diversi esercizi commerciali esterni. Ci lavorano alcuni detenuti (tra i migliori studenti della nostra scuola interna) selezionati dopo un corso di formazione. Li conosco uno a uno, dal titolare dell’impresa fino all’ultimo incaricato delle pulizie finali; so con che serietà, passione e competenza lavorano e posso garantire sulla qualità dei loro prodotti.

Ora si apre l’ultimo varco per l’osmosi, necessaria per il superamento di certe dinamiche negative per tutti, tra il mondo del carcere e la società esterna.

Tutti potranno varcare, per qualche metro, il confine che delimita l’istituto penitenziario e partecipare all’inaugurazione del punto vendita, con degustazione gratuita di tutti i prodotti dolci e salati.

L’appuntamento è per il 20 aprile dalle ore 13 in via Bartolo Longo 82. Da non perdere: come dicono gli addetti, è…“la prima esperienza in Italia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biotestamento, ok della Camera: “Il paziente può abbandonare le terapie”. No a esonero delle cliniche cattoliche

next
Articolo Successivo

I giardini di Roma? Li curano anche i senzatetto. Parte Sempreverde: “Laboratorio di rinascita di spazi comuni”

next