“Il nostro obiettivo è sconfiggere la ‘ndrangheta”. Il ministro dell’Interno Marco Minniti lo ha detto nel corso della cerimonia di consegna dei beni confiscati tenuta stamattina nel salone della prefettura di Reggio Calabria.

“Contro la ‘ndrangheta – ha affermato il ministro – si gioca una partita che va molto oltre i confini della Calabria. Si gioca una partita nazionale e che va anche oltre i confini del nostro Paese. L’obiettivo non è contenere la ‘ndrangheta ma sconfiggerla. Mentre prima questo era una mera petizione di principio, oggi si può dire che la sconfitta della ‘ndrangheta è un obiettivo strategico”.

Minniti ha parlato anche della riforma dell’Agenzia dei beni confiscati, ferma al Senato: “È evidente che il Parlamento ha l’ultima parola su queste cose. Tuttavia ci permettiamo di chiedere che si possa arrivare il più rapidamente possibile alla conclusione dell’iter parlamentare della legge”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cattura di Provenzano, generale Sottili: ‘Ecco la verità sulle denunce di Masi’

prev
Articolo Successivo

Bombe al tribunale di Reggio Calabria, scadono i termini e il presunto autore torna libero dopo condanna a 5 anni

next