Aveva solo 12 anni quando sua madre, Lady Diana, morì in un tragico incidente d’auto a Parigi, e per oltre due decenni il principe Harry ha cancellato il dolore per non esserne sopraffatto, rimuovendo la morte della madre dalla sua mente. Poi, finalmente, ha accettato di ricorrere all’aiuto di un terapista ed è riuscito a elaborare il lutto. “Il mio modo di affrontare quel dolore – ha rivelato al Telegraph – era nascondere la testa nella sabbia, evitando di pensare a lei, perché come avrebbe potuto aiutarmi? Pensare a lei mi avrebbe solo fatto sentire triste e non l’avrebbe riportata in vita“. Ma “aver messo sotto chiave le emozioni per 20 anni ha avuto un effetto devastante” non solo sulla sua “vita personale, ma anche sul lavoro”, al punto di “essere stato quasi vicino ad un crollo nervoso in varie occasioni”.

“Non lasciare mai che le tue emozioni facciano parte di qualcosa” era il suo motto negli anni in cui finiva sui tabloid per i suoi eccessi. Aveva addirittura iniziato a praticare boxe perché era diventato aggressivo, e lo sport “mi ha aiutato molto perché ero sul punto di prendere a pugni qualcuno”. Con il senno di poi Harry, quinto in linea di successione al trono, ammette che nascondere i problemi e le emozioni “non fa altro che peggiorare le cose anche per gli altri, perché tu stesso diventi un problema. Io ero un problema”.

E poi, all’improvviso, “tutto il dolore che non avevo mai elaborato è venuto fuori”, e “non sapevo cosa ci fosse di sbagliato in me”. Sono stati “due anni di caos totale” prima che il fratello maggiore William riuscisse a convincerlo a farsi aiutare da un terapista, dicendogli che doveva “affrontare questa cosa” perché “non è normale fingere che nulla ti abbia toccato”. A 28 anni si è quindi deciso a chiedere aiuto, e adesso dice di stare meglio. “Ora riesco a prendere sul serio il mio lavoro e la mia vita privata – ha raccontato al quotidiano britannico – così come riesco a mettere sangue, sudore e lacrime in cose che fanno la differenza e che penso faranno la differenza per tutti gli altri”. Insieme a William e alla cognata Kate, infatti, Harry è impegnato nella campagna Heads Together per la cura del disordini mentali, e tra le iniziative per la raccolta di fondi c’è anche la Maratona di Londra.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Borghi più belli d’Italia, il primo è Venzone. Ricostruito pietra su pietra dopo il terremoto del Friuli nel 1976

next
Articolo Successivo

Miliardari ed eredità ai figli, da Ramsay a Sting ecco cosa lasciano i big. Lo psicologo: “Non conta solo la scelta, ma come la si spiega ai ragazzi”

next