“Oltre il 52% degli automobilisti italiani circola con gomme sottogonfiate“. E’ il grido d’allarme, lanciato dal direttore di Assogomma Fabio Bertolotti. Una questione su cui riflettere, perché innanzitutto mina la sicurezza propria e degli altri quando ci si mette al volante in quanto “la frenata si allunga e la sterzata è meno precisa”. Ma è anche fonte di danno per l’ambiente e per l’economia familiare, dal momento che “i consumi di carburante aumentano fino al 15% e le gomme si usurano in maniera disomogenea e quindi vanno sostituite prima”. Eppure, la soluzione sarebbe a portata di mano. Basta fermarsi in una stazione di servizio o da un gommista e verificare la pressione delle coperture, senza tra l’altro sborsare un euro.

Si tratta di un discorso che coinvolge, più in generale, la manutenzione dell’auto. Il parco circolante in Italia ha un’età media di quasi 10 anni, con picchi di 11 a seconda delle Regioni prese in considerazione. Tralasciando cosa questo comporti in termini di costi sociali (inquinamento, mantenimento, riparazioni, incidenti e assicurazioni), è soprattutto e ancora la questione sicurezza che va sottolineata: le auto “anziane” sono più pericolose e necessitano di più interventi.

E’ per questo che, sul versante pneumatici, la Polstrada da anni effettua l’operazione “Vacanze Sicure” in collaborazione con Pneumatici sotto Controllo. Si tratta di verifiche (siamo arrivati a quota 150 mila) su tutto il territorio nazionale, diviso in gruppi di Regioni, sul corretto utilizzo e sullo stato di “salute” delle gomme dei veicoli che viaggiano sulle nostre strade.

A partire dal 20 aprile e fino al 5 giugno, l’edizione numero 14 prevederà circa 10 mila controlli che gli agenti della Polstrada effettueranno in Emilia Romagna, Sicilia, Calabria, Trentino Alto Adige, Sardegna e Puglia. “Purtroppo sono  ancora troppi i conducenti che circolano con pneumatici lisci, danneggiati o non omologati. Per contrastare questa tendenza è necessario un impegno a 360 gradi: prevenzione, controlli, informazione, per promuovere un nuovo approccio culturale di legalità sulle strade”, spiega il Direttore del Servizio Polizia Stradale Giuseppe Bisogno.

Parte della responsabilità, comunque, è anche di chi gestisce le strade. La scarsa manutenzione, infatti, non è solo quella del veicolo, ma pure quella di reti viarie e infrastrutturali. La prova? Ernie, tagli e bozze su pneumatici dovuti per lo più a buche e irregolarità sull’asfalto, facilmente riscontrabili sulle carcasse sempre più spesso rinvenute all’interno delle sedi stradali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caselli autostradali, debuttano gli “ausiliari del pedaggio”. E fioccano le multe

prev
Articolo Successivo

Revisioni auto, dal 2018 arriva il Certificato che contiene anche il chilometraggio

next