La figuraccia corre sul web. E sa di buon vino pugliese. Se in questi giorni chi ama il nettare di Bacco ha gli occhi puntati su quanto sta avvenendo alla 51^ edizione del Vinitaly con i suoi oltre 4.300 stand, nelle scorse settimane il centro del mondo per gli addetti ai lavori è stata la 22esima edizione di ProWein, una delle più importanti fiere dedicate all’enologia, che si è svolta a Düsseldorf dal 19 al 21 marzo. Poteva mai mancare la Puglia con i suoi vini? Certo che no. Peccato che l’assessorato all’Agricoltura della Regione, presente in Germania per l’evento, ha accompagnato i suoi prodotti con una brochure ‘anomala’. Nell’immagine principale, infatti, invece di paesaggi salentini è ritratta una vigna di Santiago del Cile. Fatta passare per terra di Puglia. Altro che trulli, masserie e Salento. Un errore della società di comunicazione a cui è stato affidato l’incarico di preparare il materiale pubblicitario e che sta facendo il giro del web. E proprio al Vinitaly, l’assessore all’Agricoltura Leo Di Gioia, ha commentato: “Siamo parte lesa”.

LA BROCHURE CON LE MONTAGNE DEL CILE – La brochure in questione, scritta in inglese e in tedesco e pagata con soldi pubblici è stata preparata da una società di comunicazione di Milano, scelta dalla Regione con una gara d’appalto. Ebbene, nella foto principale che avrebbe dovuto pubblicizzare le terre di Primitivo, Negramaro e Nero di Troia, ecco spuntare una vigna di Santiago del Cile. Come ci si è accorti che qualcosa non tornava? È presto detto: in copertina si vedono delle montagne che in Salento non si sono mai viste. A scoprire il fattaccio è stato il sito specializzato Winenews: la copertina sarebbe stata acquistata dall’archivio di Shutterstock. Dietro la vigna cilena, spuntano le montagne. Ma c’è anche un’altra foto contenuta all’interno della guida, presa dal web e che ritrae questa volta una vigna della Napa Valley, in California. Accanto ad altre foto made in Puglia. Il tutto è stato esposto negli allestimenti dello spazio istituzionale che la Regione ha avuto al Prowein.

LA RABBIA DELL’ASSESSORE: “SIAMO PARTE LESA” – E mentre l’episodio non è passato inosservato sul web, dove appassionati e non pubblicano i propri commenti, al Vinitaly l’assessore regionale Leo Di Gioia, non nasconde la sua rabbia. “In questa storia siamo parte lesa: verificheremo se c’è la possibilità di chiedere i danni all’agenzia che si è occupata della grafica” ha commentato. Anche perché, c’è da dirlo, l’evento è stato una vetrina non da poco per la regione: sessanta le aziende vitivinicole che in Germania hanno esposto il meglio della produzione. L’aumento del 300 per cento della partecipazione pugliese nell’ultimo decennio, di fatto, è prova del crescente livello di affari ottenuto al Prowein. A cui gaffe del genere, però, non fanno certo bene.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alessia Fabiani, selfie nuda con i figli (anche loro nudi). I fan si dividono: “Ai bambini bisogna insegnare un po’ di pudore”, “foto stupenda”

next
Articolo Successivo

Melanie Griffith pentita: “Troppa chirurgia estetica. Le persone mi dicevano “Oh mio Dio, cosa hai fatto?””

next