Querela Grillo e Di Battista per diffamazione e chiede il reintegro della sua lista Marika Cassimatis (leggi l’articolo), che aveva vinto le Comunarie di Genova per poi vedersi esclusa attraverso un post sul blog di Beppe Grillo pochi giorni dopo. “Ci sentiamo offesi e diffamati, le accuse non sono sostenute da alcuna prova oggettiva e se c’erano problemi era lo Staff a dover vagliare le candidature. In queste settimane abbiamo subito anche intimidazioni e minacce, persone che neanche ci conoscono, aizzate dal post sul blog”.  La Cassimatis ha annunciato un ricorso “per chiedere la sospensiva del voto on line nazionale e il reintegro della nostra lista: in assenza di riscontri oggettivi e rilevanti, vogliamo pubbliche scuse per quanto è accaduto”. Attualmente, per decisione di Grillo poi approvata da tutti gli iscritti online d’Italia, il candidato sindaco dei Cinquestelle è Luca Pirondini, che non rilascia dichiarazioni

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini: “Poletti? Cazzate, da ragazzo inviai tanti curricula quando lavoravo da Burghy e consegnavo pizze”

next
Articolo Successivo

Vitalizi dei parlamentari, l’ultimo problema di facciata degli odiatori di professione

next