Hosni Mubarak è un uomo libero. L’ex rais egiziano ha lasciato l’ospedale militare di Maadi, a sud del Cairo, dove era detenuto. “Alle otto di mattina è stato scarcerato ed è tornato nella sua residenza di Heliopolis“, la stessa in cui abitava prima del suo arresto avvenuto nel 2011, come ha raccontato all’Ansa il suo avvocato, Farid El Dib. L’annuncio arriva dopo che il 2 marzo la Corte d’appello della capitale aveva assolto in via definitiva Mubarak dall’accusa di aver dato l’ordine di sparare e uccidere manifestanti nel corso dei moti del 25 gennaio 2011, che misero fine al suo potere.

Le vicende processuali dell’ex presidente sono state lunghe e travagliate. Coinvolto in quattro processi, alla fine è stato sempre assolto tranne per una condanna a tre anni – già scontata in questi anni di custodia cautelare – per aver utilizzato, in concorso con i suoi figli, denaro pubblico per ristrutturare la sua residenza. Nella prima sentenza sulla morte di centinaia di manifestanti durante i moti di piazza Tahrir, Mubarak era stato condannato all’ergastolo, sentenza poi ribaltata dalla Corte di Cassazione che aveva ordinato la ripetizione del processo. Dopo l’assoluzione della Corte d’appello, la Procura generale del Cairo aveva disposto il rilascio, avvenuto questa mattina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump, ovvero come diventare il peggior presidente Usa in 63 giorni

next
Articolo Successivo

Investita e uccisa dalla volante della polizia. Pubblicato il video dell’inseguimento di una sospettata

next