Nemmeno dopo una sessione di trucco di ore, come quelle a cui si sottopone quando imita qualcuno, Virginia Raffaele sarebbe mai riuscita a somigliare alla donna ritratta nelle foto pubblicate da Diva & Donna. Il problema è che il settimanale del gruppo Cairo sosteneva che il soggetto delle immagini fosse proprio l’attrice comica romana, “beccata” senza trucco e con un viso segnato da rughe innaturali per una ragazza di 36 anni.

E infatti, come peraltro facilmente verificabile anche solo con un’occhiata, non si trattava di Virginia Raffaele, che dopo qualche ora di dubbi e chiacchiere sui social, ha smentito attraverso la pagina ufficiale su Facebook: “Ragazzi, mi duole deludervi, ma stavolta i paparazzi hanno sbagliato mira. Non sono io la donna ritratta nella fotografia, e mi dispiace per la signora che è stata coinvolta inconsapevolmente in questo affare di stato”. Il tutto condito da un paio di emoji sorridenti per far capire che ha preso bene questo scambio di persona.

Chissà come lo hanno preso nella redazione di Diva & Donna, visto che un errore così marchiano forse non si era mai visto. E come se non bastasse la confusione, il settimanale aveva fatto intendere che dietro quelle forme inusualmente arrotondate potesse esserci addirittura una gravidanza. Una gaffe clamorosa, dunque, che in altra sede verrebbe definita in maniera decisamente più colorita. Magari i colleghi di Diva & Donna adesso potrebbero scoprire la vera identità della donna fotografata, quantomeno per chiederle scusa, visto che si è trovata su giornali di gossip e siti internet senza nemmeno sapere perché.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lisa Fusco: “Mio padre è morto e mi parla attraverso la stampante. Un giorno gli ho scritto e lui mi ha risposto”

prev
Articolo Successivo

Starsky & Hutch per sempre uniti, la foto che commuove i fan

next