Di carburante prodotto dai reflui fognari ne avevamo parlato tempo fa, ma ora in ballo c’è una sperimentazione realizzata da Fca che durerà diversi mesi e coinvolgerà uno dei modelli più diffusi: la Panda. E più esattamente il modello Natural Power, che è stato consegnato dall’azienta torinese ad Alessandro Russo, presidente del gruppo Cap, ovvero quello che si occupa della gestione del Servizio Idrico Integrato della Città Metropolitana di Milano.

La Panda percorrerà 80 mila chilometri alimentata con il biometano prodotto dal gruppo Cap, mentre i tecnici del Centro Ricerche di Fca faranno un monitoraggio costante per valutare gli effetti del biometano sul motore. Una prima, virtuosa, conseguenza sarà l’abbattimento delle emissioni di CO2: fino al 97% rispetto a un modello a benzina.

La Panda a gas naturale (oltre 300 mila esemplari prodotti e venduti in Europa dal 2007) farà il pieno presso il depuratore di Gruppo Cap a Bresso-Niguarda (Milano), dove sta per nascere il primo distributore italiano di biometano a km zero, come detto con combustibile prodotto dalle acque di scarto della città.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Intel, matrimonio con l’israeliana Mobileye. Obiettivo: guida autonoma

next
Articolo Successivo

Il gruppo Psa mette online i dati sui consumi reali delle proprie vetture

next