“Ridurre le tensioni e stabilizzare la situazione in Europa“. Così Russia e Nato tornano a parlarsi ad alti livelli e lo fanno attraverso una conversazione telefonica tra i vertici militari. Ad annunciarlo è stato il ministero della Difesa russo in una nota diffusa dalle agenzie di stampa di Mosca. A parlare al telefono sono stati il generale Petr Pavel, presidente del Comitato militare della Nato, e il capo di Stato maggiore russo Valeri Gherasimov. Si tratta – spiega il dicastero che controlla le forze armate di Mosca – dei “primi contatti ad alto livello in campo militare dalla decisione del Consiglio della Nato di congelare i rapporto con la Federazione russa” nel 2014. I rapporti si erano interrotti, in particolare, a causa dell’annessione della Crimea nel marzo 2014 e del conseguente conflitto in Ucraina tra le forze governative fedeli al presidente Poroshenko e le milizie filo-russe che combattono per l’autonomia del Donbass.

Durante la chiamata “le parti hanno riconfermato la necessità di passi reciproci per ridurre le tensioni e stabilizzare la situazione in Europa“, ha aggiunto il ministero della Difesa russo. Secondo Mosca, “si sono scambiate opinioni sui problemi chiave legati al mantenimento della sicurezza, alle prospettive per la ripresa dell’interazione sui temi militari, sulla prevenzione degli incidenti e sulla partecipazione di rappresentanti dell’Alleanza Atlantica a eventi internazionali organizzati dal ministero della Difesa russo”. Gherasimov ha inoltre messo in evidenza “le preoccupazioni esistenti” a Mosca “per il sostanziale aumento dell’attività militare della Nato vicino ai confini russi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Palestina, per sconfiggere la linea Netanyahu (e Trump) bisogna isolare Israele

next
Articolo Successivo

Irlanda, confermata la presenza di 800 bimbi sepolti nell’istituto delle suore di Tuam

next