Si è aperta la crisi politica in Regione Valle d’Aosta. Sette assessori della giunta guidata da Augusto Rollandin hanno dato le dimissioni. “Le motivazioni – spiega Rollandin – sono facilmente intuibili: in queste ultime sedute c’è stata un’oggettiva difficoltà a portare avanti l’accordo nato sulla base del programma di maggioranza siglato tra le varie forze politiche. Oggi bisogna prendere atto che non vi è la disponibilità ad assumere gli impegni politici assunti a favore della comunità. Un chiarimento è quindi necessario”. La maggioranza è composta da Union Valdotaine – partito di Rollandin -, Pd e altri movimenti autonomisti.

Tra questi Stella Alpina che alle ultime Regionali del 2013 raccolse il 12 per cento dei voti e in consiglio regionale ha 5 eletti. Proprio una riunione di Stella Alpina ha aperto la crisi perché ha deciso di votare in ordine sparso sulla mozione di sfiducia all’assessore al Bilancio Ego Perron. Oltre a Perron hanno annunciato l’addio l’assessore al Turismo Aurelio Marguerettaz (Uvp), all’Agricoltura Renzo Testolin (Uvp), alle Attività produttive e al Lavoro Raimondo Donzel (Pd), all’Istruzione Emily Rini (Uvp), alle Opere Pubbliche Mauro Baccega (Stella Alpina) e all’Ambiente Luca Bianchi (Uvp). Non ha firmato le dimissioni soltanto l’assessore alla Sanità Laurent Viérin dell’Uvp.

Da oggi quindi è iniziata l’ordinaria amministrazione della giunta Rollandin che potrà durare al massimo 60 giorni. Al termine dei due mesi le due opzioni potranno essere o la soluzione della crisi (magari con la formazione di un nuovo governo) o il rinvio a elezioni anticipate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, caos tessere facili a Napoli. “I 10 euro te li danno all’interno. Se vuoi un piacere da qualcuno, ti devi iscrivere”

next
Articolo Successivo

Giovanardi riceve un seme di cannabis dai Radicali: “Vergogna, non lo voglio”. Ma poi se ne mette uno in tasca

next