Peter Fill anche a 34 anni non smette mai di stupire e trionfa nel SuperG di Kvitfjell, in Norvegia, valido per la Coppa del mondo di sci alpino. L’altoatesino, primo italiano a vincere la Coppa di discesa nella scorsa stagione, torna al successo dopo un 2016/17 che lo ha visto spesso in difficoltà. Si tratta della sua terza vittoria assoluta, la prima in questa specialità. Con il suo tempo, 1’32”83, è riuscito a mettersi alle spalle l’austriaco Hannes Reichelt e il campione del mondo in carica, il canadese Erik Guay, ma sopratutto il padrone di casa e vincitore della classifica di SuperG, Kjetil Jansrud, staccato di quasi mezzo secondo. A completare una giornata da sogno per i colori azzurri sugli sci, il secondo posto nella combinata per Federica Brignone, a Crans Montana in Svizzera.

Con questi due risultati salgono a 31 i podi complessivi per l’Italia in questa stagione, a soli 7 centri dal record di tutti i tempi che risale al 1996/97, quando nella squadra azzurra c’erano nomi come Alberto Tomba, Deborah Compagnoni, Isolde Kostner, Kristian Ghedina e molti altri. In questa stagione sono fin qui 11 gli italiani capaci di salire sul podio di Coppa del mondo, cinque i successi. Fill l’ultimo a riuscirci: “Sono davvero molto contento, è stato tutto perfetto – ha commentato il carabiniere di Castelrotto – erano un paio d’anni che tribolavo in SuperG. Questo è un grande risultato, ottenuto in casa di Jansrud, che dà ulteriore forza per le gare delle Finali”. E il prossimo appuntamento sono proprio le Finali, in programma ad Aspen, in Colorado. Lì gli azzurri tenteranno l’assalto al record assoluto.

Mikaela Shiffrin si è aggiudicata invece la combinata alpina di Crans Montana. La statunitense, ottava dopo il SuperG, ha rimontato nello slalom imponendosi con il tempo di 2’07″16 davanti all’azzurra Federica Brignone e alla slovena Ilka Stuhec, che vince così la Coppa di specialità. Altre due azzurre nelle prime dieci: Sofia Goggia, fresca del bronzo conquistato ai Mondiali e al comando dopo il Superg, è arrivata ottava, appena davanti a Marta Bassino. Tre italiane a contendersi anche in questa domenica le prime posizioni della classifica.

Mondiali di sci di fondo – Seconda medaglia per l’Italia a Lahti, in Finlandia: Federico Pellegrino e Dietmar Noeckler hanno conquistato l’argento nella team sprint a tecnica classica, al termine di una gara decisa solo nel finale, quando nell’arena d’arrivo si sono presentati in quattro al comando: oltre agli azzurri, Russia, Norvegia e Finlandia. All’ultima curva la clamorosa caduta dei due atleti scandinavi, che si sono ostacolati a vicenda regalando la vittoria alla Russia e il secondo posto alla coppia italiana. La medaglia di oggi segue in questo Mondiali di sci di fondo l’oro conquistato da Pellegrino nella sprint individuale a tecnica libera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il punto più lungo della storia. La sfida di tennis tavolo sembra non finire mai, scambi per più di dieci minuti

prev
Articolo Successivo

Basket, il dribbling non riesce? La soluzione di Nate Robinson è epica

next