È in gravissime condizioni il bambino di due mesi e mezzo, ricoverato al Trauma Center pediatrico del policlinico Gemelli, rapito dal padre nella notte tra venerdì e sabato a Monterotondo, alle porte di Roma, e poi ritrovato in un centro commerciale della capitale. Fonti ospedaliere riferiscono che il neonato era stato ricoverato in un primo momento in buone condizioni, poi il peggioramento dovuto a un trauma cranico e un successivo versamento. La causa del trauma ancora è da accertare.

Gianluca Caucci, 21 anni, al momento è in stato di fermo in carcere a Rebibbia con l’accusa di sottrazione di minore e lesioni aggravate. L’uomo è stato infatti denunciato dalla sua ex compagna, una lituana di 20 anni, che nella notte tra venerdì e sabato è stata colpita in strada sul volto. Dopo l’aggressione il giovane si era allontanato portandosi via il bambino nel passeggino. Dopo quasi 12 ore ore di ricerca padre e figlio erano stati ritrovati sabato a Porta di Roma, centro commerciale alle porte di Roma, dopo aver passato, secondo il racconto di Caucci, la notte in una baracca nella zona tra Montesacro e San Basilio. Al ritrovamento il bambino presentava un evidente ematoma sotto lo zigomo, che ha portato i sanitari a ulteriori accertamenti che hanno portato il trasferimento al Gemelli. Al momento il neonato è in prognosi riservata. “Volevo solo stare con mio figlio – si era giustificato il papà – non gli ho fatto nulla di male”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ivan Cicconi, il mio amico, se n’è andato

next
Articolo Successivo

Taxi in sciopero, sindacati: “Basta, così’ regaliamo 8 milioni a Uber”. Ma nelle città è caos. Delrio: “Regolamentiamo”

next