Dopo la lettera appello di Pier Luigi Bersani al segretario dem e ai sostenitori ed il successivo incontro tra lo stesso Bersani e Guerini alla Camera dei Deputati, il Presidente dem Matteo Orfini, al termine di un incontro sui trasporti nella sede del Nazareno a Roma, cerca di star fuori dalle polemiche: “Stiamo cercando di non perdere quel fragile filo di dialogo che eviti scelte sbagliate. Il termine scissione andrebbe bandito dal vocabolario della sinistra, perché la conosciamo: quasi sempre ha prodotto disastri e perché quando la sinistra si divide vince la destra. Credo che la cosa più sbagliata da fare in ore delicate come queste – spiega il presidente dem – sia rispondersi sui giornali o sulle televisioni. Nessuno vuole la scissione nella maggioranza del Pd, spero che nessuno la voglia all’interno della minoranza e se nessuno vuole la scissione, una soluzione si trova”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Scissione Pd, fuorionda di Delrio: “Matteo? Non ha fatto neanche una telefonata, come cazzo si fa?”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, il Pd è il primo partito (ma senza scissione). E 3 suoi elettori su 4 non vogliono la spaccatura

next