“Alla fine la scissione è sempre una rottura, non può che fare un effetto negativo”. Romano Prodi, a margine di un convegno in cui era relatore a Bologna, commenta così la situazione del Partito democratico, a un giorno dalla Direzione che ha sancito un frattura tra Pierluigi Bersani e Matteo Renzi. Il Professore torna sulla necessità di evitare il voto anticipato: “Bisogna arrivare a fine legislatura. Il Paese ha un governo che governa bene. Se lo aspettano i cittadini e i partner europei. Poi se non ci si riesce si finirà prima”. Infine l’ex premier torna sulla sua convinzione che la migliore legge elettorale sia uninominale: “Ho sempre detto che il collegio uninominale, di fronte alla crisi dei partiti, è l’unico strumento con cui il candidato è messo di fronte all’elettorato”.’

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berdini-Raggi, il feeling mai nato affossato dalle uscite a mezzo stampa e dal cemento dello stadio

next
Articolo Successivo

Campo progressista, Pisapia: “Volevo andare in pensione, ma serve buona politica. Mai più governi con la destra”

next