C’è Sanremo? Allora niente Pornhub. Arriva dall’ufficio statistica del sito porno free online più importante al mondo un altro dei traguardi tagliati vittoriosamente da Carlo Conti e Maria De Filippi. Quando in tv a cantare ci sono Albano, Fiorella Mannoia, Tiziano Ferro e Bianca Atzei, gli italiani staccano da milf, amateur e compagnia, e si incollano al piccolo schermo. Durante la prima puntata di martedì 7 febbraio 2017, vista da oltre 11 milioni di telespettatori, si sono susseguiti sul palco i primi 11 cantanti in gara e molti ospiti italiani e internazionali, come l’acclamato e ballato Ricky Martin. Ebbene da Pornhub confermano l’assunto: dall’inizio dello show in Eurovisione il traffico sul sito web ha iniziato a scendere vertiginosamente. Il punto più basso (ben -15%) è stato raggiunto tra le ore 22 e le 23, ora durante la quale si sono esibiti sul palco dell’Ariston: Tiziano Ferro con Carmen Consoli, Al Bano, Raul Bova e Paola Cortellesi con Antonio Albanese. “Bravi ragazzi! A quanto pare i nostri visitatori preferiscono voi al porno!”, scrivono giocosamente e con una punta di bonaria invidia sulla pagina di Pornhub Insights.

A seguito del clamoroso picco al ribasso, il livello di traffico ha ricominciato a salire, culminando in un +4% rispetto al traffico medio poco dopo la fine della messa in onda del Festival, intorno all’una di notte. Il calo medio del traffico in Italia durante la prima puntata è stato comunque del 7%. Oscillazione che per Pornhub è coma una frustata imprevista in una normale seduta di bondage. Il dato analizzato martedì 7 febbraio è stato anche suddiviso tra singole regioni. Qui troviamo la Basilicata con il picco negativo più alto (meno 13%),  seguita da Sardegna (-10%),  Toscana (-10%),  Puglia (-9%) e Marche (-9%). Ci sono invece alcune regioni italiane in cui la sirena del bel canto italiano non ha funzionato a confronto di Riley Reid e Asa Akira. Parliamo del Friuli-Venezia Giulia, dove ci si attesta a -5%, del Veneto (-4%), del Trentino-Alto Adige (-4%), e fine delle piccole Valle D’Aosta (-4%) e Molise (-3%) dove il solito tran tran della visitina serale per le novità su Pornhub non sembra essere stato quasi per nulla cancellato dal Festival della Canzone Italiana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2017, Carlo Conti ‘rottamatore’ come il suo amico Matteo: fuori la “vecchia guardia” (e la Ferreri che sarà però salvata dalle radio)

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2017, ve li ricordate i Figli di Bubba? Ed Ennio Sangiusto? Sono due delle esibizioni più folli, assurde e dimenticate del Festival. Eccone dieci

next