L’inviato della trasmissione Quotidien, Paul Larrouturou, è stato sollevato di peso e allontanato dalla sala in cui la leader del Front National, Marine Le Pen, stava rispondendo ad alcune domande dei cronisti. Larrouturou è andato dritto sul nervo scoperto della Le Pen, scatenando le ire dei suoi collaboratori. Sul profilo twitter della trasmissione spiegano infatti che: “Volevamo sapere se la guardia del corpo di Marine Le Pen aveva un lavoro fittizio nel Parlamento europeo o no”. Una domanda scomoda che solleva dubbi sull’onestà e sulla trasparenza dell’eurodeputata a cui è seguita la reazione spropositata delle guardie del corpo che prima hanno sollevato di peso l’inviato mettendolo alla porta. Poi, quando è tornato rivendicando il diritto a rivolgere domande alla politica, hanno rincarato la dose con minacce e spintoni.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump, proteste e tafferugli all’Università di Berkeley. Studenti contro l’oratore di ultradestra

next
Articolo Successivo

Ue, Farage difende Trump e alle sue spalle compare un cartello: “Vi sta mentendo”

next