L’Unione europea dovrebbe creare una bad bank unica per gestire i 1.061 miliardi di euro di crediti deteriorati delle banche dell’Eurozona, che sono un ostacolo alla crescita economica. L’auspicio arriva da Andrea Enria, presidente dell’Autorità bancaria europea (Eba), l’organismo di vigilanza che ha il compito di supervisionare i gruppi bancari “di rilevanza sistemica”, cioè i più grandi tra quelli con sede nell’area euro.

Secondo Enria le banche potrebbero vendere i crediti problematici a questa società di gestione paneuropea a un prezzo pari al loro valore economico reale, invece che al prezzo di mercato, e la bad bank avrebbe tre anni per rivendere i crediti. A quel punto “se non si riesce a ottenere questo valore, la banca deve accollarsi l’impatto del prezzo di mercato”, ha spiegato l’economista. “Una ricapitalizzazione sarebbe esercitata dal governo nazionale come aiuto di Stato con la piena condizionalità che accompagna tale misura”.

Il capo del fondo salva-Stati Esm, Klaus Regling, ha concordato sul fatto che in effetti “un qualche ruolo del settore pubblico sarà probabilmente necessario” per risolvere il problema. “Questa idea è benvenuta, è una proposta politica valida”, ha aggiunto il tedesco. “Si tratta di una proposta che non prevede la mutualizzazione del rischio, il che è un vantaggio dal punto di vista politico”. Inoltre, “i passaggi ipotizzati aiutano a stabilire una soluzione di mercato” anche se “certamente ci sono varie questioni aperte: la ‘governance’, il finanziamento, il ruolo dei governi”.

L’Italia, ha ricordato Enria, conta crediti problematici per 276 miliardi di euro, l’ammontare più alto di tutta l’Unione, ma dieci Stati Ue hanno un tasso di sofferenze (il rapporto tra prestiti e Npl) superiore al 10%, ben sopra il dato a una cifra che si registra negli Usa.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trump, Standard Ethics taglia il rating Usa: “Pesano ritiro da trattati su libera circolazione e dichiarazioni pro tortura”

prev
Articolo Successivo

Generali, Financial Times: “Piano di Intesa Sanpaolo somiglia all’accordo finanziario più tossico della storia”

next