E’ morto venerdì 27 gennaio a 77 anni uno dei più noti e illustri attori britannici. Sir John Hurt, nomination agli Oscar come miglior attore protagonista in The Elephant Man di David Lynch (1980) e come miglior attore non protagonista in Fuga di Mezzanotte (1978), è conosciuto al grande pubblico per le sue interpretazioni in Alien e in Harry Potter, dove recitava la parte del venditore di bacchette magiche Garrick Ollivander. L’attore nel 2015 aveva rivelato di avere un tumore al pancreas, che dopo due anni di dolorose cure gli è stato fatale, come ha raccontato il suo agente alla Bbc.

Hurt, nato nel 1940 a Shirebrook, aveva alle spalle una carriera lunga più di 50 anni. Nel 1962 recitò nel suo primo film, The Wild and the Willing, e in breve tempo divenne uno dei più ricercati caratteristi inglesi nel mondo del cinema e del teatro, celebrato anche per i suoi numerosi ruoli teatrali in opere shakespeariane. Tra il 1978 e il 1980 tre delle sue interpretazioni più famose: Fuga di mezzanotte, Alien e The Elephant Man. Hurt è apparso in oltre 200 film e serie televisive, con un curriculum che vanta ruoli diversi in pellicole altrettanto varie. Un uomo per tutte le stagioni, I cancelli del cielo, Scandal, V per Vendetta, dove recita nella parte del cancelliere Adam Sutler, Indiana Jones, Profumo – Storia di un assassino, Balle spaziali e Orwell 1984 sono tra le sue interpretazioni più celebri, oltre a quelle già citate. La regina Elisabetta lo ha nominato cavaliere per “i meriti dovuti ai decennali servizi resi al settore cinematografico ed quello delle arti teatrali”.

Il 23 febbraio uscirà in Italia Jackie, il film di Pablo Larraín sui giorni di Jackie Kennedy dopo la morte del marito JFK, in cui Hurt ha interpretato Richard McSorley, un amico di famiglia dei Kennedy.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mastro Lindo diventa sexy: così lo spot del detergente per la casa invita ad “amare un uomo che pulisce” (VIDEO)

prev
Articolo Successivo

Guè Pequeno e Marracash, panico durante il concerto: fan con bruciore a occhi e gola

next