“Le nomine dei consiglieri del cda delle municipalizzate romane? Con Gianni Alemanno le modalità attenevano al potere decisionale del sindaco. Ignazio Marino è stato il primo a introdurre un criterio di analisi meritocratica sulla base di curricula“. E’ quanto ha affermato il funzionario del Comune di Roma, Salvatore Romeo, ex capo della segreteria della sindaca Virginia Raggi, nel corso della sua deposizione nel processo Mafia Capitale. Romeo, sentito come testimone nella 166esima udienza del maxiprocesso, ha spiegato ai difensori del ras delle coop, Salvatore Buzzi, e al pubblico ministero i criteri di designazione nelle municipalizzate della Capitale. “Su tutte tendenzialmente con Alemanno” – ha sottolineato – “le nomine avvenivano ‘intuitu personae’. Questo accadeva anche coi sindaci precedenti ad Alemanno“. Poi ha precisato: “Alemanno? L’ho incontrato una sola volta in giunta, per 30 secondi. Non ho mai avuto con lui altri contatti, tantomeno telefonici. Non lo conoscevo personalmente”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Matteo e i condannati all’impunità: ‘Pene più severe per chi ruba bici che per chi trucca appalti’

next
Articolo Successivo

Fortuna Loffredo: indagato il teste che scagionava Caputo, accusato di avere ucciso la piccola

next