Pier Luigi Bersani, poco dopo la sentenza della Consulta che boccia l’Italicum come incostituzionale, e con opposizioni e colleghi di partito (renziani) dichiarano subito ‘al voto subito’, l’ex segretario dem stoppa gli entusiasmi e alla domande se ora ci si arriverà velocemente al voto antipipato, oppure per armonizzare le due leggi elettorali ci vorrà tempo e dunque si arriverà a fine legislatura, Bersani risponde: “Quando si dice di andare a votare, bisogna anche guardarsi un attimo intorno. Abbiamo qualche problemino noi: abbiamo il problema delle banche; il problema  del lavoro ed il referendum; abbiamo il terremoto; abbiamo forse da fare una manovrina. Cioè – spiega Bersani – esiste anche la vita reale, io consiglio di guardare un attimo la realtà, perché se il sistema politico si avvita sempre nelle sue elaborazioni, conclusioni o quisquilie, poi la gente..”. Poi Bersani ricorda la battaglia e la contrarietà all’Italicum all’interno del Pd: “Un anno e mezzo fa non eravamo mica in molti a dire che non era possibile sotto il profilo democratico. Io fui buttato fuori dalla Commissione (Affari Costituzionali, ndr) ora si è visto che fine ha fatto quella legge. Quella fu l’unica fiducia che non votai – continua l’ex segretario dem, che poi solleva perplessità sui capolista bloccati, salvati dalla sentenza della Corte Costituzionale – capolista bloccati vuol dire che in assenza di una legge sui partiti, sei persone, cioè i capi-partito, possono decidere il 70% della composizione del Parlamento. Non lo dico per Bersani, lo dico per l’Italia. O si fa una legge una legge sulla trasparenza dei partiti o si tolgono i capolista. Queste non sono noccioline”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Italicum, Palumbo (comitato ricorrente): “Fatto il minimo indispensabile non massimo possibile”

next
Articolo Successivo

Italicum, Toninelli (M5S): “Adesso andiamo al voto subito. Ecco come”

next