Non capita tutti giorni che un’utilitaria, seppur tra le più amate dagli italiani, riesca ad arrivare in fondo a una gara massacrante come la Dakar. C’è riuscita la Panda 4×4 Cross “PanDakar” del team Orobica Raid guidata da Giulio Verzeletti e Antonio Cabini, che per 5 giorni e 2.200 chilometri attraversando Argentina, Bolivia e Paraguay ha affrontato ogni tipo di insidia e sollecitazione: prove speciali, mancanza d’ossigeno (dovuta ad altitudini mai inferiori ai 3.500 metri), alte temperature e non solo. Alla fine, quelli dell’Orobica Raid sono stati uno dei soli 53 team (ai nastri di partenza ce n’erano 93) capaci di completare la Dakar 2017.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toyota Yaris, al prossimo salone di Ginevra debutta la versione sportiva – FOTO

next
Articolo Successivo

Cosa ci fa questa Nissan Leaf dentro l’aeroporto di Fiumicino?

next