Non capita tutti giorni che un’utilitaria, seppur tra le più amate dagli italiani, riesca ad arrivare in fondo a una gara massacrante come la Dakar. C’è riuscita la Panda 4×4 Cross “PanDakar” del team Orobica Raid guidata da Giulio Verzeletti e Antonio Cabini, che per 5 giorni e 2.200 chilometri attraversando Argentina, Bolivia e Paraguay ha affrontato ogni tipo di insidia e sollecitazione: prove speciali, mancanza d’ossigeno (dovuta ad altitudini mai inferiori ai 3.500 metri), alte temperature e non solo. Alla fine, quelli dell’Orobica Raid sono stati uno dei soli 53 team (ai nastri di partenza ce n’erano 93) capaci di completare la Dakar 2017.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toyota Yaris, al prossimo salone di Ginevra debutta la versione sportiva – FOTO

next
Articolo Successivo

Cosa ci fa questa Nissan Leaf dentro l’aeroporto di Fiumicino?

next