Da 48 ore sui social non si parla d’altro. Luigi Di Maio ci è ricascato. Dopo aver preso un brutto voto in storia qualche mese fa quando confuse il Cile di Pinochet con il Venezuela, ora il vicepresidente della Camera ed esponente del Movimento 5 Stelle è sotto la ‘graticola social’ per aver sbagliato tre congiuntivi consecutivi su Twitter prima di azzeccare quello giusto. Di Maio, o chi per lui (magari il suo staff o il suo social media manager) non è riuscito a coniugare il verbo “spiare” al congiuntivo presente. Ma gli utenti si dividono tra chi lo condanna ‘simpaticamente’ e chi ridimensiona l’accaduto. Ecco i tweet più divertenti in questa gallery. E voi come vi schierate? Twittate con #congiuntivi a il @fattoquotidiano e potreste finire qui.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nusret Gokce, chi è lo chef belloccio che sussurra alle mucche e ospita nel suo ristorante Federer e Banderas

next
Articolo Successivo

Il Piccolo Principe, “qualcuno può spiegare come mai uno dei libri più banali di sempre è diventato un grande classico?”

next