Da 48 ore sui social non si parla d’altro. Luigi Di Maio ci è ricascato. Dopo aver preso un brutto voto in storia qualche mese fa quando confuse il Cile di Pinochet con il Venezuela, ora il vicepresidente della Camera ed esponente del Movimento 5 Stelle è sotto la ‘graticola social’ per aver sbagliato tre congiuntivi consecutivi su Twitter prima di azzeccare quello giusto. Di Maio, o chi per lui (magari il suo staff o il suo social media manager) non è riuscito a coniugare il verbo “spiare” al congiuntivo presente. Ma gli utenti si dividono tra chi lo condanna ‘simpaticamente’ e chi ridimensiona l’accaduto. Ecco i tweet più divertenti in questa gallery. E voi come vi schierate? Twittate con #congiuntivi a il @fattoquotidiano e potreste finire qui.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nusret Gokce, chi è lo chef belloccio che sussurra alle mucche e ospita nel suo ristorante Federer e Banderas

next
Articolo Successivo

Il Piccolo Principe, “qualcuno può spiegare come mai uno dei libri più banali di sempre è diventato un grande classico?”

next